«Perché cercate fra i morti?»

Come augurio per la S. Pasqua propongo le parole dei due «uomini in vesti sfolgoranti» che rincuorano le donne accorse al sepolcro vuoto (Luca 24, 5-6):

Τί ζητεῖτε τὸν ζῶντα μετὰ τῶν νεκρῶν;
Οὐκ ἔστιν ὧδε, ἀλλὰ ἠγέρθη

Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui: è risuscitato!

Poiché quest’anno la Pasqua cristiana coincide con la festa di Pesach (la Pasqua Ebraica, 15-22 aprile), mi piace rivolgere un pensiero e un augurio ai nostri (secondo la bella espressione di papa Giovanni Paolo II) «fratelli maggiori»:

Hag Pesach sameach! Buona Pasqua!

La memoria della liberazione dall’oppressione per mezzo del braccio potente del Signore ispiri pensieri di misericordia, di riconciliazione e di fraterna vicinanza a tutti coloro che soffrono sotto il peso di nuove schiavitù (Papa Francesco, messaggio al Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma).

Allontanarsi dal vero “di tre gradi”

La visita al Mitreo di Capua, nell'ambito dell'Ἀγὼν πολιτικός

Visita al Mitreo di Capua: un interessante diversivo nelle giornate dell’Ἀγὼν πολιτικός

I buoni poeti conoscono veramente gli argomenti di cui parlano? Ma soprattutto: hanno davvero conoscenza del bene e del male? Non sarà che, con le loro finzioni, si limitano a cianciare a ruota libera? Che valore può mai avere la poesia (o, più in generale, l’arte), se non fa che riprodurre parvenze ingannevoli, ben lontane dalla realtà?

Questi interrogativi stanno alla base del passo dal X libro della Repubblica di Platone, assegnato sabato 12 aprile scorso agli studenti che hanno partecipato alla IV edizione dell’Ἀγὼν πολιτικός, svoltosi nei locali del Liceo «F. Durante» di Frattamaggiore.

Ma facciamo un passo indietro.

Per gli studenti ospiti, provenienti dalle più svariate regioni d’Italia, il tutto ha inizio venerdì 11 aprile con l’accoglienza presso l’Hotel “Il giardino degli aranci”: un breve saluto degli organizzatori e il classico rinfresco di benvenuto per presentarsi, sciogliere il ghiaccio e riscaldare l’atmosfera. Poco dopo, grazie alla collaborazione del “Consorzio Borgo Commerciale”, è stata proposta un’escursione – veramente gradita! – presso il Caseificio “Pupatella”, per scoprire come nasce la mozzarella di bufala “DOP” e poter procedere a un assaggio proprio nel momento della produzione!

Continua a leggere

Saffo: un ‘cri du coeur’ (ovvero: l’alba della ‘conscientia’)

Una mitra per Kleis di Franco Ferrari (2007)

Una mitra per Kleis. Saffo e il suo pubblico, di Franco Ferrari (2007)

Dopo la traduzione del primo carme di Saffo (in corso di pubblicazione da parte di D. Obbink), l’amico Franco Ferrari mette a disposizione dei lettori di grecoantico.it questo corposo articolo sul secondo carme, di cui si è recentemente scoperta la coincidenza con il fr. 26 Voigt. 

Di questa importante ricostruzione lo ringrazio sentitamente, anche a nome dei lettori del blog. [r.r.]

Nel secondo carme di Saffo appena ritrovato, i cui resti parzialmente si sovrappongono con quelli del fr. 26, non incontriamo, come nel primo, una vicenda familiare ma un cri du coeur, una di quelle accensioni emotive per le quali la poetessa di Mitilene è specialmente famosa.

Non essere riamati da chi si ama suscita un’ansia simile a un conato di vomito (le ‘nausee’ di 1.3 ἄσαισι μηδ᾽ὀνίαισι, e cf. anche fr. 3.7 ἄσαιο) tanto più se Kypris, ‘padrona’ dei destini amorosi, non fa che incitare colei che rifiuta a tormentare chi la vorrebbe richiamare indietro inoculandole una passione che, come l’Eros che scioglie le membra (λυσιμέλης) di fr. 130.1, “piega le ginocchia”. Continua a leggere

«Classici Live!» a Reggio Emilia

classiciliveSegnalo quest’iniziativa del mio liceo, in collaborazione con altri due della provincia di Reggio Emilia: Classici Live! Conversazioni sul mondo antico.

Un ciclo di tre incontri, accomunati dal filo della permanenza dei classici.

La formula scelta vuole privilegiare il coinvolgimento del pubblico, con un occhio particolare verso l’interazione fra serietà scientificaspettacolo.

Le conversazioni saranno intercalate da letture di testi, con accompagnamento musicale, dietro la regia di Monica Morini e Daniele Castellari: una sorta di “simposio” per riflettere sui classici, ascoltandone la viva voce.

Il primo incontro, che avrà luogo giovedì 27 febbraio, vedrà come ospite Mario Lentano (Università di Siena), che parlerà sul tema: “L’ultimo degli eroi. Come Enea divenne il capostipite dei Romani.”

Continua a leggere

L’Antichità (una rapida segnalazione)

L'antichità, enciclopedia coordinata da U. Eco, attualmente in edicola

L’antichità, enciclopedia coordinata da U. Eco, attualmente in edicola (La biblioteca di Repubblica)

In un panorama editoriale quale quello attuale, che mi pare sconfortantemente asfittico (e a maggior ragione per quel che riguarda il settore dell’antichistica), fa piacere registrare questa iniziativa del gruppo “Repubblica-L’Espresso”, dedicata all’Antichità, con uscite settimanali in edicola.

Attualmente sono stati pubblicati 5 dei 14 volumi che costituiscono l’opera (2 dedicati alle civiltà del Vicino Oriente, 6 alla Grecia e 6 a Roma).

La prima impressione sommaria, ricavata da rapidi assaggi qua e là, è decisamente positiva: si tratta di una organica raccolta di saggi monografici, con una esposizione che ha – come è giusto che sia – taglio divulgativo: accattivante, senza peraltro rinunciare al rigore e alla precisione delle informazioni. 

Come recita il trafiletto pubblicitario: 

Lo splendore dell’antico Egitto, il fascino della filosofia greca, la politica nell’Impero Romano. Una grande collana a cura di Umberto Eco sulla religione, la letteratura, l’arte, la scienza, gli usi e costumi delle civiltà antiche. Un viaggio attraverso le nostre radici culturali, per scoprire chi eravamo ieri e capire meglio chi siamo oggi.

Piacevole da leggere, utile da consultare.