La vittima e il carnefice

L'episodio di Egeo
Il volume di Chiara Rizzatti
Edizioni “La Zisa”

La scena della Medea di Euripide, incentrata sull’arrivo a Corinto del leggendario re ateniese Egeo, è stata a lungo sottovalutata dalla critica e ha subìto nel corso del tempo una molteplicità di interpretazioni.

Come è noto, Egeo si ferma a Corinto di ritorno da Delfi, dove ha consultato l’oracolo per scoprire le cause della propria sterilità: nel dialogo che costituisce la prima parte del terzo episodio della tragedia euripidea, Medea – tradita da Giasone e condannata all’esilio dal re Creonte – promette al re ateniese di aiutarlo coi propri filtri magici, per consentirgli di procreare. In cambio chiede di essere ospitata e protetta ad Atene.

L’intervento di Egeo ha suscitato più di una perplessità, a partire da Aristotele, che taccia la scena di ἀλογία, «illogicità» (Poetica 1461b 20): in effetti, nonostante la sua centralità, si tratta di un evento «andato a vuoto», in quanto dopo l’infanticidio Medea non approfitterà dell’ospitalità offertale, ma fuggirà sul carro del Sole.

Indubbiamente si tratta di una scena dal carattere pacato, che appare quasi irrilevante, se messa a confronto coi celeberrimi monologhi di Medea e i dialoghi con Creonte e Giasone, carichi di un pathos che qui è totalmente assente. Secondo il giudizio del Wilamowitz, il breve scambio di battute tra la protagonista ed Egeo costituirebbe addirittura una sorta di «doccia fredda sulla passionalità della tragedia».

A dispetto di ciò, una lettura attenta e priva di preconcetti mi ha portato a rivalutare questo episodio, che a mio avviso merita la posizione di centralità all’interno dell’opera: proprio in esso confluiscono i temi principali della Medea – dal problema dei figli all’abbandono, dai giuramenti violati alla brama di vendetta.

È qui che Euripide sconvolge la consolidata immagine del re di Atene come magnanimo e generoso, per offrirne il ritratto di un uomo opportunista e subdolo, abile nel distorcere la parola tanto da tenere sotto scacco l’astuta donna della Colchide.

Non solo: l’incontro con Egeo si rivela l’anello di congiunzione tra le due facies di Medea, dapprima vittima degli eventi e carnefice in seguito, pronta a vendicarsi nei confronti di Giasone. Chi fosse interessato a questo mio lavoro, lo può reperire facilmente attraverso il link seguente: Chiara Rizzatti, L’episodio di Egeo nella Medea di EuripideMi farà piacere poter proseguire eventualmente la discussione con chi avrà interesse a leggere questo mio saggio.

______________

Chiara Rizzatti, autrice di questo articolo:

chiara rizzattiNata a Bologna nel 1990, mi sono diplomata al Liceo Classico San Carlo di Modena, dove ho sviluppato la passione per la cultura greca, che mi ha portato a iscrivermi (e laurearmi) in Lettere Classiche presso l’Università di Bologna. Mi interessano anche le scritture antiche, quali i geroglifici egiziani, le rune nordiche e la lingua micenea: su quest’ultimo argomento ho avuto occasione di presentare alcune relazioni presso le Università di Bologna e Madrid. L’episodio di Egeo nella Medea di Euripide è la mia prima pubblicazione, frutto del lavoro di ricerca condotto in sede di laurea magistrale.

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

EnglishItaly