I Greci e il potere

Data: 20 settembre 2017. Categorie: i classici oggi, politica, recensioni. Autore: Roberto Rossi

Chi comanda nella città?

Su questa molto semplice domanda si sviluppa il recente volumetto di Mario Vegetti (Carocci Editore, Roma, febbraio 2017), che in poco più di cento pagine introduce il lettore «a una sorta di visita guidata in uno dei più straordinari laboratori di pensiero politico nella storia d’Occidente».

Attraverso la lettura dei testi, l’autore (talmente noto che sarebbe quasi un affronto farne la presentazione) propone una sorta di «dibattito a più voci», incentrato sul problema della legittimazione e della giustificazione del potere. Un dibattito che coinvolge non solo uomini politici e filosofi, ma anche poeti e storici, in un arco di tempo che abbraccia la grecità a partire dall’età arcaica, fino ad arrivare all’Ellenismo.

È una sorta di “laboratorio” particolarmente vivace, che tocca uno dei nervi “vitali” della frammentata società greca. La riflessione sulla legittimità del potere trova la sua motivazione proprio dalle assenze che, secondo Vegetti, «assumono i tratti di una acuta crisi di sovranità»: assenza di un apparato statale centralizzato, assenza di autorità sacerdotali che ratifichino la consacrazione dei sovrani, assenza di una tradizione secolare (e mancanza di un Libro di ispirazione divina). Clicca qui per continuare la lettura »