Come ho già avuto modo di segnalare, nel nuovo Brothers Poem di Saffo (in corso di pubblicazione da parte di D. Obbink), la quarta strofa mi sembra porre problemi linguistici e di senso che fanno molto dubitare sulla correttezza del testo tramandato dal papiro. Per restituire congruenza alla frase, proporrei di leggere i vv. 13-14 in questo modo:

Θαυμαστόν τι χρῆμα (dipinto di Ercolano detto “Saffo”)

Θαυμαστόν τι χρῆμα: la cosiddetta
“Saffo” di Ercolano

τοίς κε βόλληται βασίλευς Ὀλύμπω
δαίμον’ ἐκ πόνων ἐπ᾽ἀρήον᾽ ἤδη
περτρόπην, κῆνοι μ̣άκαρες πέλονται
καὶ πολύολβοι.

Avremmo quindi τοίς (correzione mia) invece che τῶν ed ἐπ᾽ ἀρήον᾽ (che riutilizza la correzione di Martin West ἐπ᾽ ἄρηον), concordato con δαίμον(α), al posto di ἐπάρωγον (o ἐπάρηγον).

Otterremmo un senso e un’espressione soddisfacenti: «coloro che il re dell’Olimpo vuole far passare immediatamente dalla sofferenza a una sorte ormai migliore, sono loro che sono felici e molto fortunati».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: