Buone festività!

Καὶ σύ, Βηθλέεμ γῆ Ἰούδα, οὐδαμῶς ἐλαχίστη εἶ ἐν τοῖς ἡγεμόσιν Ἰούδα· ἐκ σοῦ γὰρ ἐξελεύσεται ἡγούμενος, ὅστις ποιμανεῖ τὸν λαόν μου τὸν Ἰσραήλ. (Matteo 2.6) Auguri da grecoantico.it

La notte nazionale del Liceo Classico

la notte1Concludiamo in bellezza questo 2014 con un’iniziativa che si preannuncia con i botti: La notte nazionale del liceo classico un evento ideato e promosso dal Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale, nella persona del collega Rocco Schembra. I consensi e le adesioni stanno crescendo di giorno in giorno, ben oltre il numero indicato nella locandina.

Leggi tuttoLa notte nazionale del Liceo Classico

«È veramente nata la gioia»!

Propongo quest’anno gli auguri di Buon Natale con le parole del poeta bizantino Romano il Melode: questa volta non prendo spunto, come l’anno scorso, da un kontakion, ma dalla serie degli sticheri per il Natale: con il nome di sticheri, nella chiesa bizantina si indicavano le strofe cantate durante la funzione del vespro e del mattutino in occasione … Leggi tutto «È veramente nata la gioia»!

«Perché cercate fra i morti?»

Come augurio per la S. Pasqua propongo le parole dei due «uomini in vesti sfolgoranti» che rincuorano le donne accorse al sepolcro vuoto (Luca 24, 5-6): Τί ζητεῖτε τὸν ζῶντα μετὰ τῶν νεκρῶν; Οὐκ ἔστιν ὧδε, ἀλλὰ ἠγέρθη Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui: è risuscitato! Poiché quest’anno la Pasqua cristiana … Leggi tutto «Perché cercate fra i morti?»

Buon Natale a tutti!

l_nativ231212In questi giorni coloratissimi e un po’ affannati (per lo meno, così li sto vivendo io), credo non sia fuori luogo ricordare la ricorrenza del Natale nel suo significato più genuino della tradizione cristiana.

Mi permetto di proporre, come messaggio augurale, un celebre e bellissimo kontakion del poeta siriaco-bizantino Romano il Melode (Cantica 9-10):

Ἡ παρθένος σήμερον    τὸν ὑπερούσιον τίκτει,
καὶ ἡ γῆ τὸ σπήλαιον    τῷ ἀπροσίτῳ προσάγει·
ἄγγελοι μετὰ ποιμένων    δοξολογοῦσι,
μάγοι δὲ μετὰ ἀστέρος    ὁδοιποροῦσι·
δι᾽ ἡμᾶς γὰρ    ἐγεννήθη
παιδίον νέον,    ὁ πρὸ αἰώνων Θεός.

Leggi tuttoBuon Natale a tutti!

«Lo sposo si è svegliato!»

Come augurio di Buona Pasqua propongo qualche verso tratto da un inno del poeta e teologo Romano il Melode (V-VI secolo d. C.), venerato come santo sia dalla Chiesa cattolica, sia dalle Chiese ortodosse d’oriente (la sua festa ricorre il 1 ottobre).

Dalla sua ricca produzione di canti liturgici, ecco il passo dall’Inno XL (12, 4-13), che rappresenta il momento dell’annuncio della resurrezione da parte di Cristo stesso a Maria di Magdala accorsa al sepolcro:

Gesù risorto e Maria Maddalena
Gesù risorto e Maria di Magdala

Σπεῦσον, Μαρία,
καὶ τοὺς μαθητάς μου συνάθροισον·
σάλπιγγί σοι χρῶμαι
μεγαλοφώνῳ·
ἤχησον εἰρήνην
εἰς τὰς ἐμφόβους ἀκοὰς
τῶν κεκρυμμένων φίλων μου,
ἔγειρον ἅπαντας
ὥσπερ ἐξ ὕπνου,
ἵν’ ὑπαντήσωσι
καὶ δᾷδας ἅψωσιν·
εἰπέ· «Ὁ νυμφίος
ἠγέρθη τοῦ τάφου
καὶ οὐδὲν ἀφῆκεν
ἐντὸς τοῦ τάφου·
ἀπώσασθε, ἀπόστολοι,
τὴν νέκρωσιν,
ὅτι ἐγήγερται
ὁ τοῖς πεσοῦσι
παρέχων ἀνάστασιν».

Leggi tutto«Lo sposo si è svegliato!»

Buona Pasqua!

Venezia, Basilica di San Marco: L' ἀνάστασις

Mi è gradito rivolgere a tutti i più vivi auguri di Buona Pasqua, servendomi anche quest’anno di un passo di Nonno di Panopoli, dal XX canto della Parafrasi del Vangelo di S. Giovanni: è il momento dell’apparizione del Risorto a Maria di Magdala, che dall’evangelista è raccontato in questo modo (Gv. 20, 11-16):

[11] Maria invece stava all’esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro [12] e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. [13] Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto». [14] Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. [15] Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo». [16] Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro!

Ed ecco come viene resa la scena nei versi epici di Nonno di Panopoli (Parafrasi XX 48-73):

Leggi tuttoBuona Pasqua!

EnglishItaly