Buone festività!

Καὶ σύ, Βηθλέεμ γῆ Ἰούδα,
οὐδαμῶς ἐλαχίστη εἶ ἐν τοῖς ἡγεμόσιν Ἰούδα·
ἐκ σοῦ γὰρ ἐξελεύσεται ἡγούμενος,
ὅστις ποιμανεῖ τὸν λαόν μου τὸν Ἰσραήλ.

(Matteo 2.6)

Natività-di-Giotto-600x610



Auguri da

grecoantico.it



«È veramente nata la gioia»!

Natale_del_SignorePropongo quest’anno gli auguri di Buon Natale con le parole del poeta bizantino Romano il Melode: questa volta non prendo spunto, come l’anno scorso, da un kontakion, ma dalla serie degli sticheri per il Natale: con il nome di sticheri, nella chiesa bizantina si indicavano le strofe cantate durante la funzione del vespro e del mattutino in occasione delle grandi festività.

Queste strofe venivano inserite nella recitazione dei versetti (στίχοι, da cui il nome sticheri) dei salmi.

Viene espressa tutta la gioia e lo stupore, di fronte alla nascita del bambino divino (Romano il Melode, Sticheri per il Natale, 83.11, trad. di R. Maisano, UTET 2202):

Ὅντως ἡ χαρὰ               ἐν σπηλαίῳ νῦν ἐτέχθη,
σήμερον χοροὶ               ἀσώματοι ἀγάλλονται·
αἰνοῦσιν ἔθνη πάντα               τὴν ἀμόλυντον παρθένον·
σήμερον γὰρ τίκτει τὸν σωτῆρα·               λαοὶ εἴπωμεν·
«Εὐλογημένος ὁ τεχθεὶς               θεὸς ἡμῶν, δόξα σου».

Ora nella grotta è veramente nata la gioia!
Oggi si rallegrano le schiere degli incorporei
e tutte le nazioni celebrano la Vergine immacolata:
poiché oggi ella genera il Salvatore: noi che siamo suo popolo diciamo:
«Benedetto l’Iddio nostro che è nato, gloria a te!» 

Buon Natale!

«Perché cercate fra i morti?»

Come augurio per la S. Pasqua propongo le parole dei due «uomini in vesti sfolgoranti» che rincuorano le donne accorse al sepolcro vuoto (Luca 24, 5-6):

Τί ζητεῖτε τὸν ζῶντα μετὰ τῶν νεκρῶν;
Οὐκ ἔστιν ὧδε, ἀλλὰ ἠγέρθη

Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui: è risuscitato!

Poiché quest’anno la Pasqua cristiana coincide con la festa di Pesach (la Pasqua Ebraica, 15-22 aprile), mi piace rivolgere un pensiero e un augurio ai nostri (secondo la bella espressione di papa Giovanni Paolo II) «fratelli maggiori»:

Hag Pesach sameach! Buona Pasqua!

La memoria della liberazione dall’oppressione per mezzo del braccio potente del Signore ispiri pensieri di misericordia, di riconciliazione e di fraterna vicinanza a tutti coloro che soffrono sotto il peso di nuove schiavitù (Papa Francesco, messaggio al Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma).

Buon Natale a tutti!

l_nativ231212In questi giorni coloratissimi e un po’ affannati (per lo meno, così li sto vivendo io), credo non sia fuori luogo ricordare la ricorrenza del Natale nel suo significato più genuino della tradizione cristiana.

Mi permetto di proporre, come messaggio augurale, un celebre e bellissimo kontakion del poeta siriaco-bizantino Romano il Melode (Cantica 9-10):

Ἡ παρθένος σήμερον    τὸν ὑπερούσιον τίκτει,
καὶ ἡ γῆ τὸ σπήλαιον    τῷ ἀπροσίτῳ προσάγει·
ἄγγελοι μετὰ ποιμένων    δοξολογοῦσι,
μάγοι δὲ μετὰ ἀστέρος    ὁδοιποροῦσι·
δι᾽ ἡμᾶς γὰρ    ἐγεννήθη
παιδίον νέον,    ὁ πρὸ αἰώνων Θεός. (altro…)

«Lo sposo si è svegliato!»

Come augurio di Buona Pasqua propongo qualche verso tratto da un inno del poeta e teologo Romano il Melode (V-VI secolo d. C.), venerato come santo sia dalla Chiesa cattolica, sia dalle Chiese ortodosse d’oriente (la sua festa ricorre il 1 ottobre).

Dalla sua ricca produzione di canti liturgici, ecco il passo dall’Inno XL (12, 4-13), che rappresenta il momento dell’annuncio della resurrezione da parte di Cristo stesso a Maria di Magdala accorsa al sepolcro:

Gesù risorto e Maria Maddalena

Gesù risorto e Maria di Magdala

Σπεῦσον, Μαρία,
καὶ τοὺς μαθητάς μου συνάθροισον·
σάλπιγγί σοι χρῶμαι
μεγαλοφώνῳ·
ἤχησον εἰρήνην
εἰς τὰς ἐμφόβους ἀκοὰς
τῶν κεκρυμμένων φίλων μου,
ἔγειρον ἅπαντας
ὥσπερ ἐξ ὕπνου,
ἵν’ ὑπαντήσωσι
καὶ δᾷδας ἅψωσιν·
εἰπέ· «Ὁ νυμφίος
ἠγέρθη τοῦ τάφου
καὶ οὐδὲν ἀφῆκεν
ἐντὸς τοῦ τάφου·
ἀπώσασθε, ἀπόστολοι,
τὴν νέκρωσιν,
ὅτι ἐγήγερται
ὁ τοῖς πεσοῦσι
παρέχων ἀνάστασιν».

(altro…)