L’Antichità (una rapida segnalazione)

In un panorama editoriale quale quello attuale, che mi pare sconfortantemente asfittico (e a maggior ragione per quel che riguarda il settore dell’antichistica), fa piacere registrare questa iniziativa del gruppo “Repubblica-L’Espresso”, dedicata all’Antichità, con uscite settimanali in edicola. Attualmente sono stati pubblicati 5 dei 14 volumi che costituiscono l’opera (2 dedicati alle civiltà del Vicino Oriente, … Leggi tuttoL’Antichità (una rapida segnalazione)

Sulla scrivania

1706449_0

Acquistato l’estate scorsa, ma preso in mano solo ora, il libro di Canfora sulla guerra civile ateniese propone un affresco stupefacente e straordinariamente documentato di quello che per gli Ateniesi è stato un «anno inesistente», ovvero il 404/403, funestato dalla guerra civile fra oligarchici e democratici (il racconto parte un po’ prima, dal momento in cui la nave Paralos porta la notizia della disfatta di Egospotami: è il momento cruciale, nel quale Atene corre il rischio di essere «estirpata»).

Riconoscere che un conflitto è stato una guerra civile , cioè una guerra “tra cittadini” (cives), dipende dal vincitore. È il vincitore che concede, o non concede, al vinto tale riconoscimento. Che non significa annullare la distinzione tra torti e ragioni.

Gli Ateniesi non compirono mai questo sforzo. Nel loro calendario ufficiale l’anno della guerra civile (404/3) era indicato con una formula quasi surreale: «non governo» (ἀναρχία). Come se quell’anno non fosse mai esistito.

Leggi tuttoSulla scrivania

E non stiamo a chiamarle “lingue morte”

Come emerge da una recente trasmissione andata in onda alla Rete Due della RSI (Radiotelevisione della Svizzera Italiana), i dati di interesse del greco antico nei cinque licei cantonali sono in netta controtendenza, con un incremento del 300% di coloro che studiano greco!

La caduta dell’eroe

Eracle

Per la collana «Classici della Letteratura Greca» dell’editore Cappelli è uscito in vista delle adozioni scolastiche dell’anno prossimo – e sarà presto anche in libreria – la nuova edizione commentata dell’Eracle di Euripide che ho curato insieme con l’amico Luciano Lanzi (Eracle furente. La caduta dell’eroe).

La nuova collana ha l’intento di permettere la lettura e la comprensione di classici greci in testo originale con traduzione e commento: è rivolta quindi non solo agli studenti, ma anche e soprattutto al pubblico di coloro che sono interessati ai grandi capolavori del mondo classico.

Come invito alla lettura, mi permetto di citare l’introduzione:

Eracle è l’eroe greco che ha contribuito a portare la luce a un’umanità arcaica minacciata ancora da una natura ferina. A lui si sono aggrappate le genti delle contrade terrorizzate da scorrerie di predoni e dalla minaccia di mostri. Ed Eracle si fa carico del suo popolo, così come della propria famiglia e dei propri figli: «Li condurrò prendendoli per mano come scialuppe, li trascinerò come fossi una nave. E infatti non mi vergogno della cura dei figli».

Leggi tuttoLa caduta dell’eroe

Terra marique: il viaggio nella letteratura classica

Mentre scrivo si sta svolgendo a Brindisi il VI Congresso Nazionale dell’A.I.C.C. (Associazione Italiana di Cultura Classica), che prevede, oltre al convegno sul tema indicato nel titolo di questo post, l’Assemblea generale dell’Associazione, con il rinnovo delle cariche.

L’occasione era – almeno sulla carta – molto allettante, ma Brindisi non è propriamente dietro l’angolo… (a proposito: spero che la prossima dirigenza dell’Associazione provveda ad alternare le sedi in cui si svolgono Congresso e Assemblea A.I.C.C., prendendo in considerazione, ogni tanto, anche il centro e il nord Italia…).

Attraverso questo link si può accedere al sito della Delegazione A.I.C.C. di Brindisi, dove è stata attivata una sezione dedicata specificamente all’evento.

A questo punto non mi rimane che augurare buon lavoro a coloro che sono impegnati nel Convegno e che animeranno domani l’Assemblea: se qualcuno volesse proporre un resoconto, 😉 sarei molto lieto di ospitare sul blog qualsiasi contributo.

Leggi tuttoTerra marique: il viaggio nella letteratura classica

Bibliothéke

Dopo un lavoro intenso, durato più di due anni, ho il piacere di presentare Bibliothéke, il nuovo corso integrato di letteratura greca che ho preparato insieme con Franco Ferrari e Luciano Lanzi e che è fresco fresco di pubblicazione per i tipi della Cappelli.

Questi i criteri che abbiamo seguito e che abbiamo esposto nella pagina di presentazione di questa nostra opera:

Ci si potrebbe chiedere il motivo per cui valga oggi la pena di proporre una nuova letteratura greca, quando le librerie chiudono, sostituite – nel migliore dei casi – da futuristici store che esibiscono tablet, ebook readers e supporti informatici di varia natura che sembrano soppiantare il libro impaginato e stampato su carta. L’epoca della galassia Gutenberg e delle Bibliothékai, quelle tradizionali da Alessandria e da Pergamo in giù, pare che sia, se non proprio finita, sicuramente in una fase di evoluzione di cui è difficile intravvedere gli esiti.

Leggi tuttoBibliothéke

EnglishItaly