Τάλαρος 2013

Questa foto mi è stata scattata in occasione di un seminario tenuto l’anno scorso all’Università di Bologna (sono Sebastiano Bertolini, l’autore di questo articolo)

Il 22 maggio scorso si è conclusa l’esperienza del “Progetto Talaros”, che ha implicato un’interessante collaborazione fra il liceo Classico “Ariosto” di Reggio Emilia e alcuni laureandi di Filologia classica dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

L’idea è partita da noi studenti universitari, che abbiamo avuto l’opportunità di svolgere una lezione in alcune delle classi del triennio, per condividere con i ragazzi liceali l’interesse comune nei confronti degli studi classici.

Questi gli obiettivi da cui è nato il progetto:

  • offrire agli studenti laureandi la possibilità di cimentarsi in un’attività didattica rivolta a studenti liceali, potendo contare sul confronto e sui consigli dei docenti delle classi;
  • illustrare agli studenti liceali alcuni percorsi tematici non necessariamente affrontati o approfonditi nella quotidiana attività scolastica;
  • fornire agli studenti liceali una testimonianza di come dei giovani (quasi loro coetanei) possano sentirsi ancora oggi motivati nello studio dei classici, al punto da orientare una scelta di vita.

Leggi tuttoΤάλαρος 2013

Progetto τάλαρος

Segnalo un’interessante iniziativa, attivata da un gruppo di studenti dell’Università di Bologna, per la «trasmissione di conoscenze ed esperienze culturali», riferite in particolare al mondo antico e alle scienze dell’antichistica. Come indicato nella Home Page del sito, il progetto «Talaros» nasce come strumento per l’archiviazione e la condivisione di elaborati (tesi di laurea o di dottorato, ricerche individuali, elaborati di vario genere…) di studenti di ambito umanistico.

Timone di Fliunte, autore dei Silli

Gli ambiti privilegiati sono la Filologia Classica (a tutt’oggi l’area che propone il maggior numero di interventi), l’Archeologia, l’Italianistica, la Storia Antica e la Papirologia.

Τάλαρος«gabbia per uccelli», è la definizione che – secondo la testimonianza di Ateneo (Deipnosofisti, I 41) – diede il sillografo Timone di Fliunte per definire il Museo di Alessandria d’Egitto, istituito dal re Tolomeo I come luogo dedicato al culto delle Muse, protettrici delle scienze e delle arti:

Ὅτι τὸ Μουσεῖον ὁ Φιλιάσιος Τίμων ὁ σιλλογράφος τάλαρόν πού φησιν ἐπισκώπτων τοὺς ἐν αὐτῷ τρεφομένους φιλοσόφους, ὅτι ὥσπερ ἐν πανάγρῳ τινὶ σιτοῦνται καθάπερ οἱ πολυτιμότατοι ὄρνιθες

Leggi tuttoProgetto τάλαρος

Leggere Omero

Rispondendo a tante richieste che mi sono giunte (e anche a uso dei miei studenti), ho pubblicato nella sezione «metrica» del sito un video con la lettura dei primi 57 versi del I libro di Iliade. Per poterlo visionare bisogna accedere alla pagina di metrica e cliccare sull’etichetta «download metrica». Per ottenere la password di accesso è … Leggi tuttoLeggere Omero

Il bastone e la carota

Ovviamente faccio riferimento alla recente – famigerata – uscita del Ministro Profumo, pubblicata nei giorni scorsi su “Repubblica” (la puoi trovare qui), nella quale noi insegnanti siamo chiamati a quello che viene spacciato come un «atto di generosità. Di più, un patto che rifondi questo mestiere così importante».

Vignetta ad hoc di Sergio Staino

Ovviamente (come sempre), il tutto a costo zero: ci si riempie la bocca dei parametri dell’Unione Europea cui adeguarsi, ma la retribuzione rimane sempre quella italiana. Così come la considerazione sociale per la professione.

Sull’argomento non ho molto da aggiungere alla «Lettera molto seria di un’insegnante al ministro Profumo» di Teresa Spirelli (Blog “NON VOLEVO FARE LA PROF”: clicca qui per visitare la pagina), che propone considerazioni che condivido in pieno e alle quali rimando. 

Leggi tuttoIl bastone e la carota

Il letamaio di Eraclito

Leggendo in vari siti internet (e anche sui giornali) le traduzioni del passo di Aristotele assegnato alla maturità, si riscontra un’incomprensione, in cui sono incappati anche traduttori esperti: il sostantivo ἰπνός, viene reso nell’accezione di “forno”, “cucina”, o semplicemente “fuoco”, davanti al quale si scalderebbe Eraclito. Da qui traduzioni del tipo: «come si racconta che … Leggi tuttoIl letamaio di Eraclito

Bibliothéke

Dopo un lavoro intenso, durato più di due anni, ho il piacere di presentare Bibliothéke, il nuovo corso integrato di letteratura greca che ho preparato insieme con Franco Ferrari e Luciano Lanzi e che è fresco fresco di pubblicazione per i tipi della Cappelli.

Questi i criteri che abbiamo seguito e che abbiamo esposto nella pagina di presentazione di questa nostra opera:

Ci si potrebbe chiedere il motivo per cui valga oggi la pena di proporre una nuova letteratura greca, quando le librerie chiudono, sostituite – nel migliore dei casi – da futuristici store che esibiscono tablet, ebook readers e supporti informatici di varia natura che sembrano soppiantare il libro impaginato e stampato su carta. L’epoca della galassia Gutenberg e delle Bibliothékai, quelle tradizionali da Alessandria e da Pergamo in giù, pare che sia, se non proprio finita, sicuramente in una fase di evoluzione di cui è difficile intravvedere gli esiti.

Leggi tuttoBibliothéke

Chi comanda decide cosa sia giusto e cosa no

Il celeberrimo ritratto di Platone (con le sembianze di Leonardo da Vinci) proposto da Raffaello ne "La scuola di Atene"

Come avevo già anticipato, inizio oggi a proporre il primo di una serie di passi d’autore, per offrire la possibilità di esercizio agli studenti di terza liceo che saranno chiamati, fra poco più di due mesi, ad affrontare la versione di greco nella seconda prova d’Esame di Stato (quello che un tempo si chiamava esame di maturità).

Partiamo dunque da un famoso passo dal primo libro della Repubblica di Platone, nel quale il sofista Trasimaco, discutendo con Socrate, afferma con forza la sua idea, secondo la quale le leggi non sono altro che lo strumento di chi detiene il potere, per affermare i propri interessi. Secondo tale opinione, il diritto non si baserebbe dunque su ciò che è giusto, ma su ciò che è utile per chi governa.

Socrate nel corso del dialogo confuterà questa tesi, seguendo la sua caratteristica tecnica “maieutica”, che consiste nell’interpellare l’interlocutore ponendogli domande incalzanti, fino a farlo cadere in contraddizione. L’asserto iniziale risulta alla fine confutato proprio da colui che l’aveva proposto.

Leggi tuttoChi comanda decide cosa sia giusto e cosa no

Webinar e social network educational

Che piaccia o no, il futuro della didattica (un futuro che assume sempre più i contorni del presente) passa anche attraverso i nuovi media, che – ormai – così “nuovi” più non sono…  😉

LIM Immagine tratta dal sito http://ascuolaconlalim.wordpress.com/

Piuttosto che stracciarsi le vesti e partire dal “rifiuto preventivo”, credo sia produttivo verificare  l’effettivo impatto che questi strumenti possono avere nella gestione dell’attività scolastica e sperimentare le funzionalità e le possibilità di supporto che possono offrire.

Non si tratta di rinnegare secoli di pedagogia e di prassi scolastica, ma semplicemente di integrare e sperimentare nuove modalità di comunicazione (senza enfatizzare parole quali “innovazione” o “tecnologia”, che sono seducenti, ma di per sé non significano nulla…).

Conferenze a distanza?

Aspettando che la LIM entri nell’uso comune (quanto di vorrà ancora: un decennio?), una possibilità interessante potrebbe essere offerta dai servizi di webinar: conferenze, seminari o lezioni via web tenute da casa negli orari che si preferiscono.

Leggi tuttoWebinar e social network educational

EnglishItaly