Dionysus ex Machina

Data: 6 novembre 2010. Categorie: recensioni, teatro antico. Autore: Roberto Rossi

È di recente pubblicazione (in linea dal 13 ottobre scorso) questa nuova rivista online, dedicata agli studi sul teatro antico, che si presenta in modo molto promettente.

Pubblicata dall’editore Palumbo, con cadenza annuale, ha come direttore Giusto Picone e nel Comitato Scientifico annovera personaggi del calibro di Maurizio Bettini, Maria Grazia Bonanno, Eva Cantarella, Giulio Guidorizzi, Giuseppe Mastromarco, Jaume Pòrtulas …

La rivista è organizzata in 6 sezioni, in ognuna delle quali è possibile (credo sia un’opzione promozionale limitata a questo primo numero) scaricare gratuitamente un articolo in formato PDF.

Vediamo nei dettagli le singole sezioni:

Testi (redattore responsabile Angela M. Andrisano): sezione dedicata all’esegesi testuale del teatro greco e latino, con approcci di natura filologico-linguistica o drammaturgica.

In questo numero è possibile scaricare l’articolo di Alan H. Sommerstein La tetralogia di Eschilo sulla guerra persiana.

Talma nel ruolo di Tito nel Brutus di Voltaire (1791). Incisione di A. Godefroy.

Talma nel ruolo di Tito nel Brutus di Voltaire (1791). Incisione di A. Godefroy.


Dopo l’antichità
(redattore responsabile Gianni Guastella): dedicata alla fortuna del teatro antico nella prassi teatrale dei secoli successivi.

Disponibile il contributo di Carlo Caruso, Metastasio e il dramma antico.

Scena (redattore responsabile Nicola Savarese): il teatro antico nelle rappresentazioni (non solo teatrali) moderne.

Si può scaricare l’articolo di Nicola Savarese, Saper vedere. Sguardi e mostre sul mondo antico.

Monumenti (redattore responsabile Maria Clara Ruggieri Tricoli): contributi scientifici sugli edifici teatrali dell’antichità, sul contesto urbano e iconografico nel quale si colloca l’esperienza teatrale nel mondo antico.

In questa sezione è disponibile in formato PDF il contributo di Cornelia Isler-Kerényi, La metamorfosi di Dioniso e l’inno omerico VII.

Cinema (redattore responsabile Luigi Spina): la “settima arte” rivisita il teatro antico.

È possibile scaricare l’articolo di Giorgio Avezzù, «E i mondi ancora si volgono sotto i suoi piedi bianchi». Ipazia e Agora di Alejandro Amenábar.

Laboratori. Scuola e Università (redattore responsabile Renata Raccanelli): una sezione che propone un interessante confronto tra approcci differenti con il teatro antico, basato sull’esperienza maturata nel mondo della scuola.

L’articolo offerto gratuitamente in questa sezione è Olimpia Imperio, Gli studi sul teatro antico nell’Università di Bari.

In conclusione, in un panorama editoriale oggi così critico e deprimente, non si può che guardare con interesse a un’iniziativa del genere, che offre una prospettiva culturale ampia, entro cui trovano spazio metodologie, approcci e prospettive (e destinazioni) molteplici, per una consapevole rilettura del fenomeno teatrale.

Soprattutto è interessante la prospettiva della distribuzione attraverso il web, che consente una fruizione immediata e duttile (si possono acquistare anche solo i singoli articoli che interessano) e una possibilità di comunicazione e interazione diretta fra il mondo (talora un po’ claustrofobico) degli specialisti e il vasto pubblico dei cultori e degli appassionati.

Tanti auguri, “Dionysus ex Machina”!

Un Commento a Dionysus ex Machina

  1. roberta ha detto:

    quid dicam, sono entusiasta!!!
    roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: