Ercolano, la villa dei Papiri (da www.antika.it)

Ercolano, la villa dei Papiri (da www.antika.it)

Dalla rivista Nature Communications giunge una notizia decisamente interessante, che sembra aprire la strada a nuove possibili acquisizioni di testi provenienti dalla biblioteca di Pisone a Ercolano (notizia che vedo ripresa in italiano in una agenzia della ANSA e in un annuncio del Mattino di Napoli).

Si tratta dell’unica biblioteca sopravvissuta del mondo classico, conservatasi sotto le ceneri dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.: non restano che rotoli carbonizzati, che per la loro fragilità sono destinati a non resistere ai tentativi di lettura meccanica.

Anche le indagini attraverso fonti convenzionali come raggi X, infrarossi (a partire dal 1990) e microtomografia non avevano portato a risultati pienamente soddisfacenti, a causa della difficoltà di distinguere l’inchiostro (nerofumo) dal foglio di papiro carbonizzato.

La nuova tecnica non invasiva messa a punto da una équipe di studiosi italiani, francesi e tedeschi, è definita tomografia a raggi X in contrasto di fase, affinata attraverso il sincrotrone europeo di Grenoble, finora utilizzato soprattutto per la ricerca fisica e biomedica. È stato in questo modo possibile, come osserva Emmanuel Brun (coautore dell’articolo pubblicato su Nature Communications), ottenere un’informazione da 100 a 1000 volte più definita, rispetto alle tecniche precedentemente adottate.

In questo modo si sono esaminati due dei sei rotoli di Ercolano conservati all’Institut de France a Parigi (dove giunsero nel 1802 come omaggio a Napoleone da parte del re di Napoli): i ricercatori sono stati in grado di decifrare numerose lettere e parole, in quanto la tomografia in contrasto di fase consente di:

  1. distinguere i differenti livelli di avvolgimento del rotolo, e anche
  2. ottenere un discreto contrasto fra l’inchiostro e il papiro carbonizzati.

Riscoperta di nuovi capolavori?

Quali sorprese ci riserverà ora la biblioteca di Pisone?

A raffreddare le speranze di poter un giorno recuperare opere perdute di Sofocle o di Eschilo, di Saffo o dei poeti latini arcaici (Ennio!), interviene Daniel Delattre, coautore dell’articolo e papirologo al CNRS:

La biblioteca recuperata finora, per lo più redatta in greco antico, con alcuni rotoli in latino, non contiene a priori grandi testi letterari, poetici o di storia dell’antichità. Si sono scoperti testi stoici completamente perduti e la compilazione inedita di testi di grandi autori del IV e III secolo a.C. come Aristotele, Teofrasto ed Eraclide Pontico.

Ma chi lo può mai dire? Chissà…!

Per il momento aspettiamo, con qualche buona speranza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: