Nella suggestiva cornice della «Sala del Capitano del Popolo» (Hotel Posta), si è tenuta ieri la prima iniziativa della neonata Associazione “Amici del Liceo Classico Ariosto – Accademia dei Furiosi” di Reggio Emilia.

L'Hotel Posta di Reggio Emilia, sede dell'incontro

L’occasione per il “battesimo” è stata la conferenza di Valerio Massimo Manfredi (autore talmente noto da non richiedere ulteriori presentazioni) sul tema «Narrazione storica e letteraria». Gli onori di casa sono stati fatti dal collega Luciano Lanzi, Presidente dell’Associazione, e da Carlo Baja Guarienti, impeccabile nell’organizzazione dell’evento.

Partendo dalla distinzione lessicale inglese fra story (“una” storia, un racconto, anche riferito a un aneddoto) e history (“la” storia) Valerio Massimo Manfredi, con una conversazione dal taglio amabilmente divulgativo, ha proposto osservazioni sulle tipologie diverse del narrare offerte dalla narrativa (story) e dalla storia (history): da una parte il fascino dell’emozione che si traduce nella magia del raccontare, dall’altro l’esigenza razionale di indagare la verità dei fatti, facendo leva sulla memoria, che consente la conservazione dell’unicità e irripetibilità dell’esperienza (del singolo o collettiva).

Si tratta, insomma, – ha osservato Manfredi – di due modalità ugualmente essenziali per l’uomo, al contempo essere emotivo e razionale.
Per questo, forse, riscontriamo «tanta storia nella letteratura e tanta letteratura nella storia», in quanto il recupero della memoria condivisa (la storia) costituisce l’unica salvaguardia della propria identità, d’altra parte la libertà della letteratura consente di creare l’illusione («La tua mente lo rende vero» The Matrix) che risolleva e riscatta dalla mediocrità della vita quotidiana (L’eleganza del riccio: la lettura consente di infrangere le pareti della prigione di una vita mediocre).

Tema quanto mai intrigante, come hanno dimostrato gli interventi del numerosissimo pubblico presente alla manifestazione.

I miei più calorosi complimenti agli organizzatori della piacevole serata: a presto per un prossimo appuntamento!
——
L’associazione culturale “Amici del liceo Ariosto – Accademia del Furiosi” nasce nel 2011 per iniziativa di un gruppo di ex allievi e insegnanti appartenenti a diverse generazioni e diverse esperienze professionali proponendosi – come afferma lo statuto – quattro obiettivi:
1) mantenere viva la tradizione culturale di cui il Liceo Classico “L. Ariosto” è espressione;
2) organizzare e promuovere – anche in collaborazione con altri enti – attività culturali rivolte alla comunità scolastica e alla cittadinanza;
3) rinsaldare i rapporti di amicizia tra gli ex alunni dell’Istituto creando nuove occasioni di incontro fra le generazioni:
4) promuovere forme di sostegno alla comunità scolastica.
——
Per informazioni scrivere a: amicidellariosto@libero.it

Un Commento a Inaugurata l’attività degli “Amici dell’Ariosto”

  1. […] il successo della serata inaugurale con Valerio Massimo Manfredi, l’Associazione “Amici del Liceo Classico Ariosto – Accademia dei Furiosi”, lo scorso […]

Rispondi a La donna è mobile: viaggio attraverso un topos Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: